22 novembre 2017 Come combattere riciclaggio e corruzione Leggi di più
Diventa un nostro cliente

Voluntary Disclosure. Guida pratica con risposte a quesiti.

Voluntary Guida pratica con risposte a quesiti

La pubblicazione, edita da Bancaria Editrice, la casa editrice dell’ABI, è stata curata da Marco Salvatore, Paolo Ludovici e Fabrizio Vedana.

 

Per maggiori informazioni contattare Bancaria Editrice: 

Dott. Alessandro Carletti (a.carletti@abi.it - 06.6767.565)

D.ssa Barbara Massotti (b.massotti@abi.it – 06.6767.222)

Voluntary. L’opinione del legale

Voluntary disclosure: non è solo un ravvedimento operoso

 

Recenti informazioni di stampa indicano in meno di duemila le procedure di collaborazioni volontaria attualmente in corso, ai sensi della legge 15.12.2014 n. 186, in materia di “emersione e rientro di capitali detenuti all’estero”. Le ragioni del relativo insuccesso di questa iniziativa dello Stato italiano, facente parte di un programma internazionale finalizzato alla lotta al riciclaggio ed alla corruzione, nonché all’evasione fiscale, attraverso la tracciabilità bancaria di tutte le operazioni finanziarie di un certo rilievo, possono essere le più varie: incertezze normative sull’applicazione delle guarentigie (cause di non punibilità) previste, specie nell’ambito del processo penale tributario, a seguito della positiva conclusione della procedura di disclosure; la perdurante crisi economico finanziaria e gli aspetti psicologici ad essa conseguenti; la contemporanea presenza di plurime soluzioni per regolarizzare, sul piano fiscale, la posizione di un contribuente italiano, posto che la VD “interna” si sovrappone evidentemente al normale ravvedimento operoso.

Voluntary. Chiesta esenzione dagli obblighi dichiarativi 2014 e 2015 per chi farà il rimpatrio giuridico

Consentire ai contribuenti che accedono alla procedura di collaborazione volontaria di cui alla legge 186/2014 incaricando la fiduciaria italiana di fare da sostituto d’imposta di andare esenti dagli obblighi dichiarativi relativi al modello unico per i periodi di imposta 2014 e 2015.

 

Lo auspica Assofiduciaria nella circolare COM_2015_089 del 26 maggio scorso con la quale le Associate vengono informate che del tema è stata interessata l’Agenzia delle Entrate.