16 ottobre 2017 Antiriciclaggio, titolare effettivo: cercasi regole Leggi di più
Diventa un nostro cliente

Governance societaria: in consultazione il Regolamento del MEF sui requisiti degli esponenti di banche e intermediari

MEF

Lo scorso 1 agosto 2017, il Dipartimento del Tesoro del Ministero dell’Economia e delle Finanze (di seguito anche solamente “MEF”) ha posto in pubblica consultazione uno schema di Decreto Ministeriale mediante il quale sono state proposte significative modifiche al Regolamento in materia di requisiti e criteri di idoneità allo svolgimento dell’incarico degli esponenti aziendali di banche ed intermediari finanziari ad oggi disciplinati dal D.M. 18 marzo 1998, n. 161.

Regole più stringenti per lo svolgimento dell’incarico degli esponenti aziendali

La consultazione in oggetto, conclusasi il 22 settembre 2017, è stata avviata per dare attuazione alle disposizioni contenute nell’art. 26 del Testo Unico Bancario (di seguito anche solamente TUB) in seguito al recepimento della direttiva 2013/36/UE (c.d. CRD IV), il quale attribuisce al MEF il compito di individuare, con decreto adottato e previo parere della Banca d’Italia, i requisiti e i criteri di idoneità che gli esponenti aziendali dei soli soggetti disciplinati dal TUB (ovvero banche, intermediari finanziari, istituti di pagamento, IMEL, confidi, sistemi di garanzia dei depositanti) sono tenuti a soddisfare, anche in conformità agli orientamenti e alle linee guida dell’EBA (European Banking Authority) e della BCE (Banca Centrale Europea).

 

Le indicazioni delle Autorità europee prescrivono che gli esponenti aziendali dedichino tempo sufficiente allo svolgimento degli incarichi e raccomandano inoltre un’adeguata composizione complessiva dell’organo amministrativo. A tal riguardo la consultazione indetta dal Ministero propone, in recepimento delle citate indicazioni, che siano adeguatamente disciplinati

i) i limiti al cumulo degli incarichi che possono essere ricoperti dagli esponenti;

ii) le cause che comportano la sospensione temporanea dell’incarico e la sua durata;

iii) i casi in cui requisiti e criteri di idoneità si applicano anche ai responsabili delle principali funzioni aziendali nella banche di maggiore rilevanza.

 

Per continuare a leggere, scaricare il nostro Newsletter