07 febbraio 2019 Come tutelare la riservatezza del dipendente che segnala illeciti Leggi di più
Diventa un nostro cliente

Open Success

Guida al Bail in. Unione fiduciaria ha collaborato alla stesura della prima guida al Bail in

Guida Bail In

La voluntary fa i conti

di Alessandro Bonuzzi (Euroconference News)


La somma di denaro che la procedura di collaborazione volontaria dovrebbe portare nelle casse dello Stato ammonta a circa 3,8 miliardi di euro. L’importo è stimato al netto degli interessi e con l’applicazione, agli oltre 59 miliardi di euro di attività per le quali è stata richiesta la regolarizzazione, di aliquote medie prudenziali. Pertanto, l’introito finale dovrebbe verosimilmente raggiungere i 4 miliardi di euro.

Voluntary disclosure: 3,8 miliardi di gettito e oltre 129mila istanze. Il bilancio dell’operazione presentato oggi al Mef

Comunicato Stampa N° 242 del 09/12/2015

 

Circa 3,8 miliardi di euro nelle casse dello Stato dalla voluntary disclosure, la procedura di collaborazione volontaria per l’emersione dei capitali detenuti all’estero: è il gettito stimato, al netto degli interessi, applicando aliquote medie prudenziali agli oltre 59 miliardi e 500 milioni di euro di attività per le quali è stata chiesta la regolarizzazione. Il gettito effettivo sarà determinato dall’attività di accertamento, ad opera dell’Agenzia delle Entrate, sulle istanze presentate. L’operazione, avviata un anno fa con la legge n. 186/2014, si è chiusa alla mezzanotte del 30 novembre scorso con oltre 129mila domande inviate. I dati sono stati presentati oggi nel corso di una conferenza stampa tenutasi al Ministero dell’Economia e delle Finanze a cui hanno partecipato il Vice Ministro, Luigi Casero, il Consigliere del Ministro per le politiche fiscali, Vieri Ceriani, il Direttore generale del Dipartimento Finanze del Mef, Fabrizia Lapecorella, il Direttore dell’Agenzia delle Entrate, Rossella Orlandi.