02 giugno 2019 Pubblicato il nuovo Newsletter di Unione Fiduciaria Leggi di più
Diventa un nostro cliente

Open Success

IMMOBILI ALL'ESTERO: FORSE ABOLITO L'OBBLIGO DI INDICAZIONE NEL QUADRO RW

Articolo da AteneoWeb a cura di: Studio Valter Franco

 

Perché non dovrebbe? manca una precisazione nel testo di legge, relativamente a cosa si intenda con il termine variazioni, poiché nel caso di alloggio adibito a residenza secondaria in Francia (quindi non produttivo di reddito), il valore dello stesso, da assoggettare ad IVAIE, può essere alternativamente costituito:

  • dal costo storico, in questo caso il valore dell'immobile indicato in Unico 2016 - redditi 2015 - sarebbe identico a quello da indicarsi in Unico 2017 - redditi 2016 - l'importo dell'IVAIE dovuta sarebbe identica per entrambe gli anni, quindi non si verifica alcuna variazione (fatto salvo l'effettivo importo da versare, in quanto dall'IVAIE si detrae l'imposta pagata in Francia)

    oppure

  • dal valore "catastale", ovvero dal valore determinato moltiplicando l'importo "base" indicato nell'avviso della taxe fonciéres per il coefficiente 160 - vedi nostro precedente intervento su AteneoWeb - in questo caso, considerato che l'importo "base" viene annualmente rivalutato, per il 2017 risulteranno variati, rispetto al 2016, sia il valore dell'immobile e, conseguentemente, l'importo dell'IVAIE dovuta (oltre che all'effettivo importo da versare, in quanto dall'IVAIE così calcolata si detrarrà sempre l'imposta pagata in Francia).

 

 

Clicca qui per continuare a leggere