02 giugno 2019 Pubblicato il nuovo Newsletter di Unione Fiduciaria Leggi di più
Diventa un nostro cliente

Open Success

Voluntary disclosure, domande e risposte con Fabrizio Vedana. Articolo "Professione Finanza"

Tre domande cruciali a uno dei maggiori esperti in materia.

 

19/12/2014 Matteo Chiamenti Professione Finanza

 

Dopo avere approfondito il dettaglio della legge pubblicata in Gazzetta Ufficiale, la redazione diProfessione Finanza ha deciso di porre tre domande pratiche (abbiamo selezione le più frequenti ricevute al nostro indirizzo redazione@professionefinanza,com) a uno dei maggiori esperti in materia, il docente PFAcademy, nonché Vice Direttore Generale Unione Fiduciaria, Fabrizio Vedana. Occasione utile a tal fine è stato l’incontro per la stampa dello scorso 18 dicembre organizzato da Unione Fiduciaria dedicato all’approfondimento della Voluntary Disclosure dopo che dal 17 dicembre la nuova legge è stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale e diverrà operativa dal primo di gennaio 2015. All’incontro moderato dall’Avv. Fabrizio Vedana, vicedirettore di Unione Fiduciaria hanno partecipato il Prof. Avv. Guglielmo Maisto (Studio Maisto), l’Avv. Marco Cerrato (Studio Maisto), l’Avv. Armando Simbari (Studio Dinoia) e L’Onorevole Giovanni Sanga in videoconferenza da Roma.

Supponiamo che un individuo X possieda 100.000.000 euro detenuti in beni mobili in un paradiso fiscale black list e non dichiarati e che desideri, in merito a tale cifra, aderire alla v.d. Cosa cambia nel caso in cui il signor X decida di mantenere nel supracitato paradiso il patrimonio in essere, piuttosto che decida di portare in Italia il suddetto importo?

 

La legge 186/2014, recante disposizioni in materia di emersione di capitali esteri (c.d. voluntary disclosure) prevede una riduzione maggiore delle sanzioni per chi decide di rimpatriare, anche solo giuridicamente (ovvero conferendo incarico ad una fiduciaria italiana di fare da sostituto d’imposta), i beni.

 

Se al posto di beni mobili si trattasse di beni immobili, come si modifica la risposta la risposta al quesito precedente?

 

Qualora i beni siano degli immobili (per esempio la casa di vacanza) il calcolo di imposte, sanzioni ed interessi dovrà considerare in primo luogo il paese in cui il bene si trova per gli stessi motivi esposti sopra. Quindi andrà fatto un calcolo delle imposte evase in specie per gli immobili affittati e quindi delle eventuali ulteriori imposte non pagate in ragione della mera titolarità dell'immobile (ivie). Andranno versate le relative imposte e le sanzioni in misura ridotta. Andranno inoltre pagare le sanzioni per la omessa dichiarazione dell'immobile nel quadro RW.

 

Rispetto allo scudo fiscale, cosa cambia nel ruolo e nella operatività degli intermediari dal quale il signor X si può fare assistere per l’adempimento di adesione alla v.d.?

 

La voluntary, a differenza dello scudo, attribuisce un ruolo di maggiore rilevanza al professionista, soprattutto se il patrimonio è' superiore a 2 milioni di euro ovvero rappresentato da beni diversi dalle attività finanziarie Gli intermediari avranno un ruolo significativo nella gestione successiva delle attività finanziarie.

 

Le fiduciarie avranno altresì il compito di fungere da sostituto d'imposta per quanti decideranno di aderire alla voluntary lasciando però le attività all'estero, come consente la normativa.